Quanto segna il termostato del tuo stipendio?

Quanto segna il termostato del tuo stipendio?

Quanto segna il termostato del tuo stipendio?

"22 gradi. Questa era la temperatura impostata in quella stanza di albergo. Quando la finestra restava chiusa per molto tempo, il condizionatore si spegneva e restava in attesa. Non appena la temperatura toccava i 21.9 si riaccendeva pigramente per qualche minuto, per poi tornare a dormire.

Ma quando si apriva la finestra, allora sì che lavorava sodo. La temperatura crollava improvvisamente e il condizionatore, più determinato che mai, tirava fuori un'energia che fino a poco prima sembrava impensabile, riportando la temperatura a 22 gradi ad una velocità incredibile, nonostante la finestra fosse spalancata."

Nel libro "i segreti della mente milionaria", Harv Heker sostiene che tutti noi abbiamo un termostato interno, impostato su un determinato reddito, dal quale non c'è scampo.

Harv Heker sostiene che ce sei impostato per guadagnare mille euro al mese, non importa quello che succede, ma tu riuscirai sempre a trovare un modo per avere quel reddito.

Potresti trasferirti in un angolo sperduto della terra, e riuscirai a guadagnare quella cifra nell'arco di poco tempo.

Fermati un attimo. Guarda le tue finanze e rispondi sinceramente. E' realmente così?

Tutto sommato, se ci pensi bene, è anche realistico, è proprio quello che succede a tutti. Non importa dove andrai, sono sicuro che hai in mente una cifra sotto la quale non sei disposto a lavorare, e che sei anche sicuro di riuscire ad ottenerla.

Ma il problema riguarda l'altra faccia della medaglia,

se sei "tarato" per guadagnare mille euro al mese, difficilmente riuscirai a guadagnare di più.

Proprio come il condizionatore, ti darai da fare per raggiungere la temperatura al quale sei impostato. Se le tue entrate hanno un calo, ti accenderai per riportarle come prima, ma una volta raggiunto starai a riposo fino al prossimo calo.

Quotidianamente ascolto imprenditori, e a dirti il vero molti di loro versano in queste condizioni.

Io mi ci metto in mezzo...

Hai notato anche tu che quando gli incassi hanno un calo, inizi a spingere sull'acceleratore?

Più l'incasso scende e più acceleri, riportandoli alla "normalità".

Ma quale è la normalità?

Nel nostro subconscio la normalità è una cifra che riteniamo corretta.

Non so neanche dirti cosa significa "corretta", l'importante secondo le basi dell'educazione finanziaria che trovi QUI, che sia molto di più di quello spendi abitualmente.

Quindi non è una necessità vera!

Semplicemente sei tarato su una determinata cifra.

Se sei tarato a 5000 euro al mese, potresti vivere benissimo con 2000 euro al mese, forse anche solo con mille.

Eppure, non appena scendi sotto quella soglia psicologica, quei 5000 euro, per qualche misterioso motivo, ti metti in moto per ripristinare il tuo standard.

Certo tarare il termostato non è affatto facile.

Errori, investimenti sbagliati, investimenti corretti, successi e fallimenti, faranno fare al tuo termostato dei grandi salti su e giù.

Rifletti su quello che ho scritto e dimmi se anche tu ti rivedi in questo.

La soluzione?

Devi solo alzare quella dannata cifra che pensi di valere.

Andresti a lavorare per 600 euro al mese? Non ti conosco, ma penso di no, eppure è pieno di gente che lo fa, e non solo in vere situazioni di necessità, ma, purtroppo per loro, difficilmente guadagneranno mai più di così.

E tu quanto pensi di valere?

Smetti di accenderti solo quando le cose vanno male. Se vuoi guadagnare di più e alzare il fatturato alza il tuo termostato, decidi la cifra che vuoi raggiungere, scrivila da qualche parte, stampatela nella mente e poi pensa a come puoi fare.

Una volta definito questo obiettivo, ti verranno in mente tantissime strategie da provare, nuove cose a cui non avevi pensato, vedrai possibilità e opportunità ovunque.

Articolo ispirato dalla lettura del libro "i segreti della mente milionaria"

Ad maiora,

Vincenzo.

Be the first to comment on "Quanto segna il termostato del tuo stipendio?"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*